Seleziona una pagina

Pietrasanta è una piccola città, piena di bellezza e di vita con una popolazione totale che non supera le 25.000 persone è poco più di piccolo paese, in questo nord ovest della Toscana, che possiede, tra le molte altre bellezze storiche e paesaggistiche, una piazza straordinaria, detta appunto Piazza Del Duomo, all’interno della quale campeggia una bellissima chiesa romanica, che per forma e dimensione potrebbe essere vanto di una delle città più grandi d’Italia: La collegiata di San Martino.

Duomo di Pietrasanta, copyright claudio beduschi

Photo Credit @ClaudioBeduschi

Questo è il nome ufficiale del monumento, conosciuto da sempre, come il Duomo di Pietrasanta.

La chiesa è dedicata al patrono della Città, San Martino di Tours, uno dei santi militari romani del IV secolo e il suo stile è quello tipicamente romanico, con l’esterno è rivestito di marmi bianchi di provenienza dalle cave locali ed una facciata a salienti, dalla quale si intuisce il profilo interno con le tre navate.

Duomo di Pietrasanta, copyright claudio beduschi

Photo Credit @ClaudioBeduschi

Ognuno dei tre portali è sormontato da una lunetta che riporta scene della Passione di Cristo, mentre nel transetto destro si apre un’altra porta sul lato di Via Garibaldi, anche questa sormontata da una lunetta scolpita che raffigura San Giovanni Battista, opera trecentesca di Bonuccio Pardini, scultore locale che ebbe una gran parte nella realizzazione della Cattedrale della vicina Lucca, città madre e fondatrice di Pietrasanta, anch’essa dedicata a San Martino.

Duomo di Pietrasanta, copyright claudio beduschi

Photo Credit @ClaudioBeduschi

Gli stemmi in marmo sulla facciata ricordano la dominazione genovese e fiorentina sulla città, oltre a un grande stemma di Leone X, da cui prende il nome la nostra master suite,

Duomo di Pietrasanta, copyright claudio beduschi

Photo Credit @ClaudioBeduschi

al secolo Giovanni dei Medici, il quale nel 1513 risolse in favore della sua patria e della sua dinastia un arbitrato con il quale assegnò proprio a Firenze il dominio su Pietrasanta, città fino a quel momento parte della Repubblica di Lucca.

Sempre sulla facciata il bellissimo rosone in marmo è attribuito a Riccomanno Riccomanni (XIV secolo). La chiesa è fiancheggiata da un caratteristico campanile alto circa 36 metri, con una pianta a base quadrata con lato di 8 metri, che si presenta con una semplice superficie a mattoni a vista, anche se il progetto originario ne prevedeva un rivestimento in marmo, mai completato.

In campanile al suo interno è provvisto di una scala elicoidale, così straordinaria nella progettazione da averne fatto ipotizzare la paternità a Michelangelo Buonarroti, essendo stato l’artista, al tempo della costruzione di questo manufatto, più volte ospite di Pietrasanta, al fine di acquistare i marmi per il rivestimento della chiesa di San Lorenzo a Firenze. Probabilmente invece, il campanile, terminato intorno al 1520 venne progettato e realizzato dall’architetto fiorentino Donato Benti.

Duomo di Pietrasanta, copyright claudio beduschi

Photocredit @ClaudioBeduschi

L’interno del duomo presenta alcune opere d’arte di pregevole fattura, in particolare il pulpito marmoreo, opera di Donato Benti e Lorenzo Stagi (1508) ed il crocifisso bronzeo di Fernando Tacca, figlio del più celebre Pietro, realizzato intorno al 1627, al tempo della ristrutturazione degli interni patrocinata dalla Granduchessa Cristina di Lorena. La cupola, che sovrasta il transetto, era originariamente ottagonale (1453), ma venne ricostruita a pianta circolare nel 1820. Nella cappella del transetto a destra dell’altare maggiore si trova la venerata reliquia della cosiddetta Madonna del Sole, un dipinto su tavola con una Madonna con Bambino tra santi di un anonimo pittore tardogotico, che è datato 1424 e che viene esposto solo durante particolari celebrazioni.

Oggi la piazza orna lo splendido Duomo con decorazioni natalizie che ci parlano di una festa che verrà, con modalità diverse, rispetto agli anni passati, ma con la passione e l’amore di sempre.

Duomo di Pietrasanta

Photocredit @LauraTartarelliContemporyArt.

Share This / Condivi su :